FORGOT YOUR DETAILS?

vedi anche slides Perche’ servono LG italiane SICVE

La legge N.24 dell’8 marzo 2017, nota anche come Legge Gelli-Bianco, all’art.5 riconosce il Sistema Nazionale Linee Guida (SNLG), istituito con Decreto su Gazzetta Ufficiale 27 febbraio 2018, come l’Organo preposto a collezionare le Linee Guida (LG) proposte dalle Societá Scientifiche (SS), a verificarne tramite il CNEC (Centro Nazionale per l’Eccellenza Clinica) la validitá metodologica e a pubblicarle, compresi gli aggiornamenti, nella piattaforma del sito ufficiale del’Istituto Superiore di Sanitá (ISS), per metterle a disposizione di tutta la comunitá scientifica nazionale, sopratutto in merito al sottotitolo della stessa Legge: “disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonche’ in materia di responsabilita’ professionale degli esercenti le professioni sanitarie”.

Il Ministero della Salute con Decreto su Gazzetta Ufficiale 2 agosto 2017 istituisce l’Elenco delle SS e delle Associazioni Tecnico Scientifiche delle professioni sanitarie.  La SICVE viene iscritta in questo Elenco e quindi é chiamata a proporre al SNLG/ISS Linee guida metodologicamente valide. E la metodologia deve essere quella indicata dallo stesso ISS-CNEC nel “Manuale metodologico per la produzione di LG di pratica clinica”.

La SICVE non é al primo giorno di scuola. Ha giá proposto alla comunitá scientifica nazionale LG metodologicamente valide. Ed é stata una delle poche SS italiane a farlo. Non lo sosteniamo noi adesso qui. Lo sostiene un articolo, recepito dallo stesso ISS e pubblicato su Evidence Live Oxford University 21-22 Giugno 2017 “Quality and trustworthiness of clinical practice guidelines developed by italian medical specialty societies: a cross sectional study”. In tale articolo si evince che di 403 SS prese in esame, solo 81 (tra queste la SICVE) hanno superato l’esame e, delle 712 LG proposte, solo 359 (circa la metá) sono state riconosciute meritevoli, nel campione piú recente sono state selezionate solo 75 LG con, in ordine, 33 (44%) della Associazione Italiana Oncologia Medica, 22 (29%) di Multi Societá, 11 (15%) di 10 Societá Mediche e 9 (12%) della SICVE.

Gli autori dell’articolo hanno apprezzato il criterio e la metodologia adottata da SICVE e tra questi criteri  (dichiarati nel capitolo metodologia in www.sicve.it) anche quello della condivisione con altre SS (oltre alla SICVE anche SIAPAV, SIAARTI, ISO, ecc.), della applicabilitá alla realtá nazionale, tenendo conto anche delle ricadute medico-legali delle raccomandazioni prodotte frutto di un compromesso (come si fa per le LG) tra trials e EBM e mondo reale nazionale.

Nelle nuove LG  bisognerá soddisfare i requisiti richiesti dall’ISS/SNLG che sono, citiamo tra gli altri :

1.  la condivisione con tutte le categorie professionali rilevanti interessate, quindi sono preferite le Federazioni di SS, e noi abbiamo costituito per questo una Federazione di SS per le LG;

2. la considerazione dei punti di vista e delle preferenze dei pazienti, e noi possiamo e dobbiamo collaborare con le Associazioni Pazienti (almeno una);

3. la rigorositá e la trasparenza metodologica, e noi abbiamo a disposizione metodologo valido e metodologia valida.

Qualcuno si chiede o potrebbe chiedersi peró: perché non adottare le LG europee che sono recenti e che ci leverebbero le castagne dal fuoco, dichiarando (anche presso l’ISS/SNLG) che sono adattabili alla realtá italiana ? Il che potrebbe essere anche vero, tralasciando le considerazioni di “maggior tutela” che Linee Guida nazionali da noi prodotte, tenendo conto della realta’ nostra, ci garantirebbero maggiormente. Alla domanda potremmo e dovremmo rispondere che probabilmente non saremmo i soli soggetti interessati a presentare e pubblicare LG italiane. Ad esempio altre SS (cardiologi interventisti, radiologi, angiologi, diabetologi ecc), magari associandosi, potrebbero presentare (lo hanno giá fatto in passato) position paper e consensus e LG italiane anche ben fatte. Bene, abbiamo il fondato sospetto che in questo caso che l’ISS/SNLG non potrebbe non accettare e adottare queste LG italiane proposte da altri gruppi invece di quelle europee proposte da noi.

Una comunitá scientifica, come la nostra, potrá definirsi scientifica se é in grado di produrre scienza. Produrre scienza non vuol dire solo organizzare e patrocinare e promuovere eventi congressuali, che dovrebbero e devono essere momenti di incontro e di discussione (anche questi fondamentali) su produzioni scientifiche di singoli soggetti, o gruppi o altre societá scientifiche, spesso straniere. Una SS nazionale matura produce scienza quando produce trials, studi, registri e LG nazionali.

La SICVE necessita di una rivoluzione copernicana.

Da un modello tolemaico, ormai sorpassato, che vede al centro il Congresso Nazionale e le altre iniziative che ruotano minori attorno al Congresso, deve passare ad un modello copernicano che vede il Congresso come una delle tante e varie iniziative che ruotano attorno, comprese le LG.

Solo cosí la nostra SICVE potrá crescere.

E la produzione e l’aggiornamento di LG sono un magnifico volano per crescere e per :

– essere al centro del panorama scientifico nazionale

– collaborare con altre SS e associazioni pazienti

– far crescere gruppi di studio specie di giovani

– promuovere trials nazionali e pubblicazioni scientifiche

– essere protagonisti più attivi (anche sui risvolti medico legali)

– rilanciare il Registro come strumento di verifica dell’applicazione delle stesse LG

– confrontarci col resto del mondo

– sopratutto essere piú credibili con le Istituzioni, Ministero, Agenas, Regioni.

Sara’ pur sempre una sfida e un’impresa mica da ridere. Ma ne vale la pena.

 

Rispettate le attese. Possiamo dire che anche questo, come quelli precedenti, é stato un Congresso che ha lasciato un segno indelebile nella storia della nostra Societá. Comincerei dalla fine. L’Assemblea dei Soci, che ha quasi chiuso i lavori, é stata tra le piú partecipate degli ultimi anni. C’era da attenderselo anche perché si varavano importanti modifiche di Statuto che introducevano maggior democrazia e inclusivitá nell’organo istituzionale per eccellenza quale il Consiglio Direttivo (come indicato del resto dal Ministero alle Societá Scientifiche, non dimentichiamolo).  E le modifiche ci sono state, anzi implementate in Assemblea. La Relazione Morale del Presidente ha illustrato le principali iniziative, molte in corso, con i Referenti Regionali, ad esempio, sul Registro, sulle Linee Guida, sulle collaborazioni con Agenas, e cosí via. E poi l’accelerazione impressa sui e dai Giovani (SICVE YOUNG ha avuto il suo spazio al Congresso su temi organizzativi e sul futuro), che ricorderanno Firenze come il vero trampolino per diventare e continuare ad essere i protagonisti della storia della chirurgia vascolare nel nostro Paese, proiettati nella realtá nazionale e internazionale (europea e oltreoceano). Ci piace qui ricordare il record di Premi ai Giovani concessi ad un Congresso Nazionale SICVE (6 premi alle migliori Comunicazioni votate in aula, 5 premi ai migliori Poster televotati, 3 premi ai migliori casi clinici presentati). Ma anche il record di Grant concessi (124) al Congresso Nazionale prima ai Giovani che presentavano comunicazioni e poi ai meno Giovani. E’ intenzione di questo Direttivo concedere altri Grant (é stato discusso in Assemblea) a Giovani che porteranno il tricolore in Congressi o Eventi internazionali. Non sono mancati i Corsi di Simulazione per i Giovani e il Corso Infermieri, che ormai sono item fissi. A Firenze si é parlato molto di novitá tecnologiche in chirurgia vascolare endovascolare, interessante la sessione bioingegneristica, ma anche di novitá dalle linee guida internazionali (ischemia critica periferica e aneurismi dell’aorta addominale) in vista del lavoro di revisione delle nostre linee guida nazionali nelle quali la nostra Societá investirá in risorse umane ed economiche nei prossimi mesi. A Firenze novitá anche in tecnologie di comunicazione con la diretta streaming dall’Auditorium, che rimarrá registrata e a disposizione in web.  Cosí come rimarrá registrata nella nostra mente e nel nostro cuore la Serata nella cornice suggestiva della Certosa di Firenze. In piú di 400 abbiamo apprezzato l’ottimo menú mentre il nostro Presidente consegnava le targhe ai Past President e Past Segretari che in questo ventennale di attivitá hanno contribuito con i loro Direttivi e rendere grande la nostra SICVE.

Come abbiamo avuto giá modo di dire, la nostra Societá é giovane, ha vent’anni, rispetto ad altre Societá. Per questo é robusta, atletica, in salute ottima (lo dimostrano anche i bilanci), piena di auspici e buone intenzioni, di coraggio, voglia di fare per essere, voglia di correre.

Correre come hanno fatto un manipolo di eroi che alle luci dell’alba di martedí hanno stupito i fiorentini e le fiorentine in un percorso di qualche chilometro in maglietta SICVE RUN, dimostrando coi fatti che si comincia dalla prevenzione e dal miglioramento dello stile di vita a combattere le malattie vascolari. Un messaggio per i pazienti o candidati pazienti: fate come faccio e non solo come dico.

E i pazienti ? Anche per loro e sopratutto a loro vorremmo dedicare questo Congresso. I pazienti saranno sempre di piú con noi nei Congressi e nelle iniziative (comprese le linee guida). A loro dedichiamo il nostro lavoro quotidiano e il nostro cuore. A loro dedichiamo la nostra Societá.

Non a caso a Firenze il nostro Presidente ha aperto l’Assemblea dando la parola e il video (toccante) all’Associazione onlus Dynamo Camp, alla quale SICVE e l’altra Associazione Titoccotoccati (che ha organizzato SICVE RUN) si sono stretti in un modesto ma sentito contributo.

E ora l’appuntamento é a Cagliari tra un anno e a Milano tra due.

Un ringraziamento a tutti, alle Aziende, ai Tecnici e Operatori, alla nostra Segreteria GC Conor, alla Faculty, ai Moderatori e Relatori, alle Societá e Associazioni che hanno collaborato, a tutti i Congressisti e anche a chi ha permesso ai Congressisti di esserci, un ringraziamento di cuore a tutti da parte del Consiglio Direttivo.

Ultim’ora Firenze 2019

sabato, 19 Ottobre 2019 by

Ultim’ora Firenze 2019.

22/10  h 09:20  Coffee station SEMPRE APERTO

  • Ore 13.30 – 14.15 colazione di lavoro
  • Ore 18.30 partenza pullman per cena sociale da:
  1. Sede Congressuale
  2. Grand Hotel Baglioni (Piazza dell’Unità Italiana, 6)
  • Nell’ambito della cena sociale verranno proclamati i seguenti vincitori:
  1. Comunicazioni a Premio SICVE (6)
  2. Poster digitali (5)
  3. Casi clinici (3)

 

Abbiamo pensato di dedicare questo Box a Notizie dell’ultima ora relative al Congresso di Firenze.

Il Box é quindi un sistema on line per lanciare comunicati importanti o messaggi utili ai Congressisti da parte del Consiglio Direttivo o della Segreteria.

E’ possibile accedere al Box cliccando sul link

http://www.sicve.it/ultimora-firenze-2019/   

che si puó aggiungere tra i Preferiti.

19/10 h 15:00 Messaggio di Benvenuto al Congresso (allegato qui di seguito)

messaggio di benvenuto

19/10 h 15:00 é possibile seguire il Congresso in streaming in diretta dall’Auditorium, con accesso sempre da www.sicve.it

19/10 h 15:00 ci potranno essere variazioni al Programma (giá pubblicato e inviato) per motivi logistici e indipendenti dalla volontá degli Organizzatori, per cui é consigliabile seguire il Programma aggiornato on line che compare sul sito www.sicve.it oppure questo Box per annunci del’ultim’ora. All’inizio di ogni Sessione é prevista la proiezione in aula di una slide col Programma aggiornato della Sessione.

20/10 h 09:00  Agenzia ADN Cronos : clicca su      https://www.adnkronos.com/salute/medicina/2019/10/16/medici-cittadini-corrono-insieme-contro-rischio-amputazioni-per-cause-vascolari_wa5WXMG2vTBpztCVlKT19H.html

SICVE RUN a Firenze 2019

domenica, 13 Ottobre 2019 by

Post di Gaetano Lanza

Il ruolo delle Associazioni dei Pazienti è stato fondamentale, anche nel nostro Paese, nell’incoraggiare politiche mirate, ricerche ed interventi di assistenza sanitaria. Molti progressi nel campo delle malattie, ai diversi livelli istituzionali, sono dovuti proprio alle attività di queste organizzazioni, che hanno permesso alla società civile di acquisire consapevolezza della peculiarità di queste malattie e dei problemi che esse comportano.” Questo si legge nel sito del Ministero della Salute.

E’ risaputo che le Associazioni Pazienti sono da tempo ormai un must per le nostre Istituzioni al pari di quelle di altri Paesi e di quelle Internazionali in campo sanitario. Affiancano le Associazioni scientifiche, svolgendo un ruolo altrettanto essenziale e non secondario. Ergo, le collaborazioni tra le une e le altre.

Negli indirizzi emanati dall’ISS per le linee guida e recepiti dalle Societá Scientifiche c’é un item da onorare:

“La produzione di una LG ISS si basa sui seguenti principi chiave:

………partecipazione nel Panel di almeno uno o due membri rappresentanti i pazienti o caregiver……..

Negli ultimi tempi le Associazioni Pazienti sono diventate sempre piú numerose e  popolate. Ci sono quelle trasversali e multi rappresentative come Federanziani e Cittadinanzattiva e quelle di categoria come Alice per la neurologia, Associazioni per il diabete, per l’oncologia, per la cardiologia, ecc. la lista si allunga, fino ad arrivare ad alcune di categoria che ci riguardano piú da vicino come quelle per le Malattie Rare vascolari, per il Marfan (ne dimentichiamo qui qualcuna). In internet troviamo anche AmaVas onlus che é un’Associazione mista prevalentemente di Angiologi che unisce Pazienti, Volontari e Tecnici.

Con alcune di queste Associazioni Pazienti la SICVE ha finora collaborato. Siamo stati coinvolti da Federanziani in alcuni programmi di informazione per la prevenzione vascolare.  Abbiamo ospitato Cittadinanzattiva ad alcuni nostri eventi congressuali. Con Alice abbiamo un accordo siglato e abbiamo partecipato ad alcune manifestazioni anche di piazza organizzate. Bisognerá riprendere i contati con queste Associazioni e rinvigorirli e mantenerli. Anche in previsione del lavoro enorme di revisione e aggiornamento delle nostre Linee Guida.

Due giorni fa la SICVE ha stretto un agreement di collaborazione con Titoccotoccati, Associazione Pazienti vascolari (Presidente Claudio Novali) che mira a sensibilizzare l’opinione pubblica e a combattere sopratutto l’arteriopatia ostruttiva degli arti inferiori e punta l’obiettivo sulla prevenzione primaria che potrebbe iniziare da una semplice palpazione dei polsi periferici (da qui il nome dell’Associazione).

In occasione del Congresso Nazionale SICVE, Titoccotoccati ha organizzato una manifestazione pubblica SICVE RUN, che consiste in un evento podistico non competitivo ma solo dimostrativo e di sensibilizzazione (si puó anche solo camminare) attraverso alcune strade principali di Firenze con maglietta offerta a chi corre e con contributo volontario che sara’ poi interamente devoluto a Dynamo Camp onlus, altra Associazione che si occupa di bambini e ragazzi da 6 a 17 anni con patologie croniche gravi.

Ulteriori informazioni su www.sicve.it e su www.titoccotoccati.org

Partenza Martedí 22 ottobre ore 07:00 da Palazzo dei Congressi di Firenze e termine previsto ore 08:00.

 

Questa volta l’icona del nostro Congresso ha la cupola del Brunelleschi che sfidó e sfida ancora l’architettura di ogni tempo e la meraviglia del campanile di Giotto. Firenze ha sempre esercitato il suo fascino artistico ed é il simbolo universale dell’Umanesimo e del Rinascimento. Basta andare tra le sue strade del centro per incontrare Dante, Giotto, Leonardo, Michelangelo, Piero della Francesca e tutti gli altri Grandi della nostra Storia, che qui non menzioniamo, ma che portiamo scolpiti nel nostro genoma culturale.
E’ la prima volta che il Congresso SICVE si tiene a Firenze dal primo Congresso Fondativo che si tenne a Roma nel 1998. La SICVE inizió i suoi lavori col Primo Direttivo ufficiale in carica nel 1999. Quest’anno ricorre il ventennale. Sará ricordato al Congresso di Firenze con una targa di riconoscimento ai Presidenti e Segretari che si sono succeduti in questi due decenni.
La SICVE é una giovane ventenne. Bella, promettente, energica, proiettata nel futuro, piena di progetti, ambiziosa, con la voglia di fare. La SICVE é dei Giovani. I Giovani chirurghi vascolari si ritroveranno a Firenze e saranno i protagonisti. Non solo nella Sessione “Sicve Young incontra il Direttivo. Aspetti organizzativi” nella quale si affronteranno i problemi, le aspettative, le previsioni, gli interessi, i suggerimenti, i progetti dei Giovani. Se si scorre il programma si nota che i Giovani occupano gran parte degli spazi. Con le Comunicazioni con Concorso a Premio, Comunicazioni non a premio su tutti gli argomenti, con i Poster a premio, Poster non a premio, con i report di casi clinici a premio, con i report di studi multicentrici, con i corsi di planning e simulazione, con il corso sulle malattie rare. Ma avranno interesse a partecipare anche alle Sessioni e Simposi e a dire la loro nelle discussioni.
E molti di questi Simposi sono di estremo interesse. Basti pensare a quello sulle nuove linee guida sull’ischemia critica, sulle applicazioni ingegneristiche in chirurgia vascolare, sulla chirurgia del sistema venoso profondo, sulla chirurgia carotidea nei sintomatici, sugli AAA con colletti difficili, sulla patologia aortica toraco-addominale, sul confronto internazionale sulle linee guida per gli AAA, sulla Sala Ibrida.
E l’auspicio é che siano presenti anche i nostri Soci Juniores in regola all’Assemblea che si terrá mercoledí 23 ottobre alle 10:30. Mai come questa volta la loro presenza é importante. Si presenteranno e si chiederá l’approvazione di modifiche epocali di Statuto della nostra Societá tra le quali si prevede che nel futuro Consiglio Direttivo ci sia anche una rappresentanza di Soci Juniores Medici in Formazione e si fara il punto su quanto e’ stato fatto quest’anno e su quanto e’ auspicabile si continui a fare nei prossimi anni.
Siamo tutti invitati a Firenze quindi. Per ritrovarci tutti in famiglia a festeggiare i 20 anni della nostra SICVE. Per onorare il lavoro dei chirurghi vascolari endovascolari d’Italia. Per celebrare l’arte dei chirurghi vascolari endovascolari d’Italia nella cittá d’arte per antonomasia in Italia e nel mondo.

Per visualizzare il programma clicca su http://www.sicve.it/firenze-2019-congresso-sicve/

Post di Gaetano Lanza

E adesso tocca al Governo. Le Regioni hanno predisposto un Documento che alleghiamo.

Documento

Hanno sollecitato il Governo a dare il parere e a mettere in atto con urgenza una serie di misure, per sopperire alla carenza di medici di medicina generale e specialistica nel nostro Paese, tema di cui ci occupiamo spesso in questo periodo.

La prima misura tenta di risolvere a breve termine la carenza dei camici bianchi e di dare anche uno sbocco a quei medici (si stima siano circa 10.000) tagliati fuori dalle scuole di specializzazione a causa del numero insufficiente di borse di studio. La proposta é che per il prossimo triennio medici provvisti della sola laurea e abilitazione all’esercizio professionale entrino nel SSN garantendo a loro la possibilità di conseguire un titolo di specializzazione. Questi medici neo-assunti accederebbero in soprannumero, per esigenze regionali, ad una scuola di specializzazione sulla base di protocolli d’intesa tra Regione ed Università. La parte teorica sarebbe svolta presso l’Università mentre quella pratica e il tirocinio presso l’Azienda di appartenenza dove il medico specializzando dovrebbe garantire almeno il 70% del suo lavoro.
In questo caso si suggerisce di definire uno schema tipo di accordo ad hoc tra le Regioni e le Università. Sarebbe inoltre prevista una facilitazione nelle assunzioni a tempo indeterminato per gli specializzandi. Fino al 31 dicembre 2021, assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo determinato con orario a tempo parziale degli specializzandi all’ultimo anno di corso.
Allo stesso modo sarebbe previsto uno snellimento della disciplina concorsuale.
La seconda misura proposta é quella di poter scorrere e sfruttare le graduatorie di Concorsi espletati che quindi non verrebbero piú utilizzate “esclusivamente per la copertura dei posti messi a concorso” senza quindi possibilità di assunzione di idonei. Sarebbe quindi opportuno assumere medici risultati idonei ai Concorsi anche se non vincitori.
Una terza misura sarebbe quella di consentire ai medici di lavorare oltre i 65 anni sino al maturare dei quaranta anni di servizio effettivo e comunque non oltre i 70 anni, anzi di consentire a chi lo desideri, previa valutazione da parte dell’Azienda Ospedaliera della performance del medico, anche se ha superato i 40 anni di servizio, di continuare a lavorare comunque fino al compimento del 70° anno di età.
La quarta misura. Poter assumere medici con incarichi di lavoro autonomo laddove sia impossibile reclutare medici dipendenti o convenzionati e, qualora fosse impossibile reclutare specialisti con diploma di specializzazione richiesto, si dovrebbe poter attribuire l’incarico a medici con specializzazione equipollente, fatta eccezione per Anestesia e Rianimazione e terapia del dolore, Medicina nucleare, Radiodiagnostica e Radioterapia.
Una quinta misura riguarda le Regioni che hanno i conti in ordine o che negli ultimi 3 anni li hanno migliorati. Per queste Regioni ci sarebbe la possibilità di mettere a disposizioni di Aziende Sanitarie e Ospedaliere fino al 3% in più di risorse per valorizzare il personale sanitario dai dirigenti medici, alle professioni infermieristiche, della riabilitazione ecc.  sulla base di criteri regionali. Previsti in tal caso incentivi per guardia medica e/o pronta disponibilità, per chi lavora in zone o con servizi disagiati.
Una sesta misura prevede la deroga alla durata massima dell’orario di lavoro per coprire eventuali buchi. Chi accetterà di lavorare in extra orario non potrà pero’, negli stessi periodi, esercitare la libera professione intramuraria, in tutte le sue forme.
Fondamentale per le Regioni è comunque determinare il fabbisogno di personale di concerto tra Ministero della Salute e Regioni. Allo stesso tempo é basilare ammodernare la normativa che regola la determinazione dei fabbisogni formativi dei professionisti sanitari. Bisogna tener presenti gli standard europei con lauree più brevi e abilitazione al momento della laurea, quindi rivedere i percorsi di laurea in medicina e chirurgia e quelli di specializzazione.

Settima misura quindi ridurre il percorso di laurea in medicina e chirurgia da 6 a 5 anni ed eliminare l’attesa per l’abilitazione, che arriva nel momento stesso della laurea abilitante, e inoltre adeguare gli anni di corso di specializzazione alle durate minime europee, oltre che rivedere l’ordinamento didattico delle scuole di specializzazione.
Ottava misura riguarda il medico specializzando che potrebbe fornire prestazioni temporalmente limitate e adeguatamente retribuite extra orario formativo. Il medico in formazione specialistica potrebbe svolgere, con una progressiva attribuzione di autonomia e responsabilità, compiti specifici che gli verrebbero affidati dal Consiglio della Scuola, senza introdurre nuove forme contrattuali ed utilizzando le norme che già permettono allo specializzando di effettuare attività libero professionale oltre che la sostituzione di guardia medica e medicina generale.
Si dichiarano pronti a scendere in campo Sindacati (alcuni bocciano queste proposte), Fnomceo, Associazioni Mediche. Noi ci terremo informati.

Post di Gaetano Lanza

Piú volte abbiamo acceso i riflettori di questo blog sulla carenza di medici in generale, di specialisti in corsia in particolare, di chirurghi vascolari piú in particolare. Leggiamo che l’argomento scotta sul tavolo del Ministero, anche del nuovo Governo, e che ci sono proposte in cantiere anche con la Conferenza Stato-Regioni.  Possibilità in deroga per 3 anni di assunzione dei medici a partita Iva, accelerazione sui contratti di formazione-lavoro per gli specializzandi agli ultimi due anni di corso, riduzione della durata delle specializzazioni, abilitazione professionale al momento della laurea. Sembra sia prevista poi anche la possibilità, qualora sia impossibile trovare medici in possesso del diploma di specializzazione richiesto, di attribuire l’incarico a medici in possesso di altra specializzazione (eccetto Anestesia, Medicina nucleare, Radiodiagnostica e Radioterapia). Altro aspetto su cui le Regioni vogliono accelerare è poi la possibilità di assumere gli specializzandi agli ultimi 2 anni con contratti di formazione-lavoro. Il tema è molto dibattuto. Lo scorso Governo inserì delle norme che agevolavano la possibilità di assumere gli specializzandi sia nell’ultima Legge di Bilancio che nel Decreto Calabria. Ora le Regioni ci riprovano e chiedono in ogni caso subito un regolamento per attivare le norme già previste.

D’altra parte si sa che diversi Concorsi pubblici risultano deserti e vengono ri-banditi. Anche nel privato accreditato l’aria che si respira non cambia. Mancata programmazione delle scuole di specializzazione in passato? Scarsitá di Borse di Studio per le Specializzazioni (compresa Chirurgia Vascolare)? C’é carenza in definitiva di specialisti in generale e di chirurghi vascolari in particolare. Che il chirurgo vascolare col bisturi pronto in mano abbia trovato da qualche decennio ormai validi competitor quali radiologi e cardiologi interventisti, da quando Qualcuno (la Q maiuscolo é d’obbligo) ha inserito nei vasi cateteri e palloncini e la storia ha voltato pagina, questo é vero.

C’é da porsi seriamente il problema per il chirurgo vascolare per i prossimi anni e decenni.

Ma pare che il problema non sia solo nostro italiano, ma europeo e planetario. Se ne é parlato anche al Charing Cross dello scorso aprile a Londra: “Vascular Recruitment, a universal problem”. Troviamo interessanti gli interventi al CX. Mancanza di sufficiente exposure agli studenti, di graduate and post graduate training, specialisti che vanno in pensione non rimpiazzati a sufficienza da neospecialisti, secondo Cleveland, Presidente della Societá Internazionale di Radiologia Interventistica. Calo di attrattivitá della nostra specialistica anche per attitudine delle nuove generazioni a “risparmiarsi dai sacrifici” e la nostra specialitá impone sacrifici anche solo nell’immaginario collettivo e, aggiungiamo, scarsa remunerazione rispetto al sacrificio, ricorda Eckstein (Monaco). Monito questo anche di Sillesen, Presidente della ESVS, che suggerisce di creare ambienti di lavoro piú confortevoli e attrattivi per i giovani specializzandi e rimarca la differenza di attrattivitá tra centri universitari (piú alta) e centri rurali (piú bassa), differenza piú tipica del Nord Europa. Lo stesso problema oltrepassa l’Oceano, se é vero quanto afferma Makaroun (USA), che sottolinea la maldistribuzione delle forze lavoro in campo e aggiunge che in USA il 42% dei chirurghi vascolari sono over 55 e andranno a breve in pensionamento. Andando al Sud America, Munoz (Colombia) fa presente che una recente review ha stimato un chirurgo vascolare per circa 95.000 abitanti. Mansilha, Presidente dell’EBVS (European Board of Vascular Surgery) ha auspicato standard di training educazionali europei.

Ci auguriamo e siamo certi che questi temi saranno trattati nella Sessione prevista al Congresso Nazionale SICVE a Firenze lunedí 21 ottobre ore 14.00 e intitolata

“SICVE YOUNG incontra il Direttivo SICVE: Aspetti Organizzativi”.

Allora, prima di rivolgerci al WWF per il chirurgo vascolare, pensiamo alle iniziative che di concerto (SICVE e Istituzioni nazionali e regionali) possiamo allestire nel piú breve tempo possibile. Se vogliamo che il chirurgo vascolare non si estingua.

Post di Gaetano Lanza

Dal “curare” al “prendersi cura”. Questo lo slogan emanato negli ultimi tempi da Regione Lombardia. Molti altri slogan di altre Istituzioni negli ultimi anni. L’ISS ci tiene a sottolineare che nelle nuove Linee Guida da produrre o aggiornare devono (non solo possono) essere coinvolte le Associazioni Pazienti. Da tempo ormai gli inviti e gli auspici fioccano sull’opportunitá e necessitá di migliorare il rapporto medico-paziente a tutti i livelli pre intra e post ospedalieri. In definitiva, maggior attenzione, partecipazione, condivisione, continuitá di rapporto e di cura. Quando si incontra per la prima volta il paziente bisogna stringere e sottoscrivere, nell’intento e nel sentimento piú che su un pezzo di carta, un patto di alleanza, che in fondo é quello che chiede il paziente. Si prevengono cosí anche tante richieste di risarcimenti e denunce.

Queste e tante altre considerazioni ci suggerisce il 17 settembre, data che l’OMS ha scelto quest’anno per la prima volta per celebrare in tutto il pianeta la Giornata Mondiale per la Sicurezza del Paziente.

Perché ?

Queste sono solo alcune cifre emanate dall’OMS. Gli errori in sanità provocano ogni anno 134 milioni di eventi avversi negli ospedali contribuendo a 2,6 milioni di decessi/anno. Un paziente su 10 subisce danni durante le cure ospedaliere nei paesi ad alto reddito e 1 su 4 ricoveri ogni anno provoca danni ai pazienti nei paesi a basso e medio reddito. Errori che provocano non solo danni morali ma anche danni economici: i costi per la sola perdita di produttività ammontano tra 1,4 e 1,6 trilioni di dollari all’anno. Sempre secondo il rapporto OMS, il 15% delle spese ospedaliere può essere attribuito al trattamento delle carenze nella sicurezza dei pazienti nei paesi OCSE e 4 su 10 sono i pazienti danneggiati a livello di cure primarie e ambulatoriali. Ma, notizia positiva, è possibile evitare fino all’80% dei danni dovuti a queste situazioni.

L’OMS lancia quindi una campagna globale per migliorare la sicurezza del paziente. Leggiamo che le città il 17 settembre illumineranno di arancione i principali monumenti, quali il Jet d’Eau a Ginevra, le Piramidi al Cairo, la Piramide Cestia a Roma, la Torre di Kuala Lumpur, il Royal Opera House a Muscat e il ponte Zakim a Boston.
“Nessuno dovrebbe essere danneggiato mentre riceve assistenza sanitaria. Eppure a livello globale, almeno 5 pazienti muoiono ogni minuto a causa di cure non sicure “, ha affermato Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’OMS. “Abbiamo bisogno di una cultura della sicurezza dei pazienti che promuova la collaborazione con i pazienti, incoraggi la segnalazione e l’apprendimento da errori e crei un ambiente privo di colpa in cui gli operatori sanitari sono abilitati e formati per ridurre gli errori”.

Possono verificarsi errori nelle diverse fasi del processo di cura dalla prevenzione alla visita in ambulatorio o alla cura in corsia o in sala operatoria o nelle dimissioni o nelle visite di controllo. Quindi maggior attenzione al paziente in tutte le fasi del processo di cura.

Anche noi abbiamo pensato di dedicare uno spazio a questa Giornata. Abbiamo pensato di rendere piú evidente il nostro interesse non solo formale ma sostanziale anche arricchendo il nostro sito di Opuscoli e Materiale pubblicato per l’occasione.

Ma faremo, ce lo auguriamo, qualcosa di piú. Studieremo il metodo e magari il Progetto per promuovere e facilitare il rapporto chirurgo vascolare-paziente. Magari anche attraverso un’Applicazione del web.

Per celebrare la Sicurezza del Paziente ( e del Medico) non solo il 17 settembre, ma ogni giorno e in ogni momento della vita del paziente e della nostra vita lavorativa.

Discontinuità o continuità?

domenica, 01 Settembre 2019 by

post di Gaetano Lanza

Nel rispetto dell’articolo 1 del nostro Statuto, nel quale si afferma che la nostra Associazione é apartitica, non prenderemo mai, e neanche questa volta, posizioni a favore di questo o quel partito politico e lasciamo che ognuno abbia e coltivi i propri giudizi personali. Specie in un momento delicato come questo, di questi giorni di crisi di Governo. Mentre scriviamo il Presidente incaricato Conte é alla sua scrivania a Palazzo Chigi a tessere la tela. La nostra vuole solo essere una legittima preoccupazione “politica”, nel senso nobile della parola, ma “apartitica” sul futuro della Salute Pubblica nel nostro Paese e quindi della nostra professione. E non é la prima volta che lo facciamo da questo Blog.  Diversi sono i gridi di allarme, come quello della FNOMCEO, col Presidente Anelli, o di altre Associazioni per la crisi di Governo (l’ennesima).

Dal primo Governo Repubblicano dopo le elezioni del 2 giugno 1946 a oggi si sono succeduti in Italia ben 65 Governi (ultimo il Governo Conte appena dimessosi). Durata media di un Governo? Fate voi il calcolo e vedrete che sará di poco piú di un anno. Un pó pochino, vero? Probabilmente siamo molto instabili, noi in Italia, politicamente parlando. Ma anche questa é democrazia. Facciamo anche fatica a pensare e pronosticare che il prossimo Governo, qualunque esso sia, smentisca questo trend. Sarebbe un miracolo. Comunque, auguri!

Forse in Italia serve un pó di continuitá in piú.

Ecco perché ci fanno riflettere (senza prendere mai posizioni partitiche) alcuni slogan di alcuni politici, quali “Governo del Cambiamento” (di circa un anno fa), oppure “serve discontinuitá” (di poche ore fa).

Perché se “discontinuitá” vuol dire invertire il trend di breve durata del Governo in Italia, allora ci siamo. Perché vorrebbe dire che serve piú continuitá (di Governo, ovviamente). Si chiama antifrasi, ed é quando con una parola o una frase intendiamo dire l’opposto.

Allora ci siamo. Serve forse piú continuitá di Governo nel nostro Paese.

E questo ci permettiamo di desiderarlo. Perché serve piú continuitá di interlocutori politici nazionali (quelli regionali hanno piú continuitá per fortuna, per diversa legge elettorale) per portare avanti programmi e progetti che altrimenti si fa fatica a portare avanti. E di proposte e di programmi e di progetti che ci riguardano, ai Ministeri, alle Sottosegreterie e alle Commissioni varie, ce ne sono depositati, ma sono quasi tutti in sospeso o soggetti a modifiche, perché cambiano le famose poltrone.

Post di Gaetano Lanza

Da tempo e da piú parti sale la denuncia. In Italia stiamo correndo il rischio serio di non avere Medici a sufficienza nelle corsie dei nostri Ospedali. Sempre meno gli specialisti. Si viene a sapere di Concorsi ai quali non si presentano concorrenti, come é successo di recente per un Pronto Soccorso del centro e in un altro per un Servizio di Anestesia del Nord. Le proiezioni sono allarmanti. Se si va di questo passo tra una decina di anni la Sanitá sará in ginocchio in un Paese come il nostro che pure puó contare su uno dei Sistemi Sanitari piú avanzati al mondo (stima dell’OMS che metteva pochi anni fa l’Italia ai primi posti dopo l’Australia).

Del problema si é accorto anche il Ministero della Salute che di recente ha introdotto la normativa che allarga i Concorsi anche agli Specializzandi all’ultimo anno del Corso di Specializzazione o stava lavorando sulla proposta di “teaching hospital” come alternativa al Corso tradizionale di Specializzazione in Universitá. Soffriamo anche del  blocco di assunzioni adottato da qualche anno a questa parte per le famose “leggi di bilancio”. Mettiamoci anche il blocco adottato da alcune Regioni per evitare di rimpiazzare Primari che vanno in pensione. I Primari costano di piú.

Ha fatto una certa notizia e un pizzico di impressione che il problema sia finito qualche giorno fa anche sulla prestigiosa rivista The Lancet, che giá ad aprile scorso se ne era occupata con un altro articolo (Lancet. 2019 Apr 13;393(10180):1492. doi: 10.1016/S0140-6736(19)30849-9).

Quest’altro articolo recente che qui alleghiamo e’ firmato da Luca La Colla, anestesista della Duke University, Dhuram, USA.

The Lancet

L’articolo é alquanto duro ma abbastanza condivisibile.

La conclusione é che “there is inadequate understanding of the real problems. The rest of the world is moving fast, and Italy is reaching a point of no return”. Il motivo principale, secondo l’articolo, é la scarsa attrazione che il  nostro Paese esercita verso i camici bianchi. “Inadequate working conditions, little stability, growth, or potential for career progression, low salaries, the commixture of politics and the healthcare system, and fake recruitment committees (the notorious Concorsi Truccati) hit the headlines regularly”. Il quadro che ne esce é quello di un Paese che ha molte pecche “di politica” (ne sappiamo qualcosa anche di questi giorni di piena crisi di Governo) prima e “di politica sanitaria” poi. L’Italia non attrae e quindi perde pezzi. Attrae forse solo Medici di altri Paesi meno sviluppati (dell’EST Europa, del Pakistan si dice nell’articolo), mentre i nostri neo laureati e neospecialisti sono piú attratti da altri Paesi (ne abbiamo parlato in qualche Post fa).

Certo, articoli come questo non aiutano, anzi affondano il famoso coltello nella piaga. Ma questa purtroppo é la realtá o comunque cosí appare alla maggior parte degli osservatori.

Noi cosa possiamo fare nel nostro piccolo, che poi piccolo non é, oltre che unirci al coro di denunce (é sempre facile criticare, ma noi in Italia pare siamo specialisti).

La risposta é semplice. Rendere piú attrattiva la nostra fetta di specialistica. Chiediamo intanto piú Borse di Specializzazione finanziate. Sopratutto cerchiamo di tenerci stretti i nostri giovani neospecialisti, facendo loro capire che in Italia abbiamo ottime scuole all’avanguardia e ottimi maestri apprezzati all’estero. E ai maestri chiediamo di fare al meglio i maestri, che non vuol dire solo saper pubblicare.

Tutto questo la nostra Societá puó e deve farlo.  Sperando che su Lancet prima o poi si legga un’Italia migliore.

TOP });