FORGOT YOUR DETAILS?

Documenti correlati:

Documenti correlati:

 

Auguri al nuovo Ministro della Salute.

Saturday, 07 September 2019 by

Post di Gaetano Lanza

Continuando ad essere apolitici e apartitici bensí istituzionali, come vuole il nostro Statuto, rivolgiamo gli Auguri di buon lavoro al neo Ministro della Salute, Roberto Speranza. Il suo cognome é un buon punto di partenza, ma vogliamo credere che non sia un punto di arrivo. Ci uniamo al coro di auguri che giungono da Associazioni e Istituzioni. Crediamo anche che ne abbia davvero bisogno.

Nato a Potenza il 4 gennaio 1979, laureato in Scienze Politiche. Deputato, eletto nel PD nella scorsa legislatura,  membro nella Commissione Esteri della Camera, il 20 febbraio 2017 abbandona il Partito Democratico e contribuisce a fondare un nuovo partito chiamato Articolo 1 – Liberi e Uguali (LEU). Alle politiche del 4 marzo 2018 con Liberi e Uguali viene rieletto deputato nella circoscrizione Toscana. Siede nella Commissione Affari costituzionali. Il 22 luglio viene rieletto coordinatore nazionale di Articolo 1 – MDP e il 6 aprile 2019 ne diventa il Segretario.

Il 4 luglio 2018 firma (prima firma) un Progetto di Legge presentato alla Commissione Affari Sociali della Camera, recante “Disposizioni in materia di finanziamento del Servizio sanitario nazionale”, che é, in un certo senso il suo biglietto da visita in questo nuovo Governo. All’articolo 1 del Disegno si propone l’abolizione del superticket, ossia la  quota fissa sulla ricetta pari a 10 euro per le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale. Per le coperture di circa 600 milioni di euro a regime “si utilizzano non solo le risorse già stanziate a legislazione vigente dalla legge di bilancio per il 2018, pari a 60 milioni di euro annui a decorrere dall’anno 2018 nell’arco del triennio 2018, 2019 e 2020, ma anche le maggiori entrate rivenienti dall’abolizione della deduzione forfettaria dei canoni di locazione.” All’articolo 2 si dispone, per gli anni 2019 e 2020, che il livello del finanziamento del fabbisogno sanitario nazionale standard cui concorre lo Stato venga rideterminato rispettivamente in 116.500 milioni di euro e in 118.000 milioni di euro. Quanto alle coperture si dovrebbe provvedere attraverso la riduzione della quota di interessi passivi. Si interviene inoltre per ottenere unallentamento dei vincoli per l’assunzione del personale sanitario. Qui si spiega come le aziende e gli enti del Servizio sanitario nazionale siano “autorizzati a bandire, nel rispetto dell’equilibrio di bilancio, concorsi per l’assunzione a tempo indeterminato di personale, da destinare all’adeguamento del personale dipendente operante nei servizi d’emergenza-urgenza, terapia intensiva e subintensiva, riabilitazione, centri trapianti e di alta specialità, nonché assistenza domiciliare.

“Io non dico solo basta ai tagli alla sanità. Io chiedo già dalla prossima manovra finanziaria più risorse per la sanità. Va rilanciata l’universalità del Servizio sanitario nazionale: non importa quanti soldi hai, da dove vieni, il colore della pelle, devi comunque avere il diritto ad essere curato. Ed altro punto importante è superare le distanze territoriali, le differenze e consentire l’accesso alla qualità sanitaria in tutte le aree del paese”.  Questo quanto affermato ieri dal neo Ministro.

Quindi Auguri Signor Ministro, anche da SICVE.

Procedura Agenas gestionale per i RAO

Monday, 02 September 2019 by

Giornate cardiologiche torinesi

Monday, 02 September 2019 by

ESVS

Monday, 05 August 2019 by

Documenti correlati:

Modifiche di Statuto

Friday, 19 July 2019 by

MAC 2019

Thursday, 11 July 2019 by

Documenti correlati:

 

TOP });