FORGOT YOUR DETAILS?

Auguri semplici dal Blog

by / / Archivio, avviso pubblico, Blog

Parole semplici di Auguri di Buon Natale a tutti da questo Blog.

Ieri giovedì 22 dicembre alla Trasmissione RAI di Uno Mattina Sua Santità Papa Francesco ha preso il telefono e ha augurato a tutti un Buon Natale Cristiano. Ha detto con parole semplici, più o meno, che incarnandosi Dio si fece piccolo, un piccolo povero bambinello, per poter sovvertire e capovolgere tutti i valori per l’umanità. Una ricetta per l’umanità. Quale messaggio migliore poteva trasmettere ieri Bergoglio, il Papa delle periferie, degli emarginati? Quale modo migliore poteva scegliere Lui, il Creatore, se non rivelandosi in un tenero e nudo bambino, infreddolito, respinto da tutti e quindi avvolto appena nato nella paglia di una stalla, scaldato solo dall’amore e dall’umiltà? Lui il Potente, capace di creare l’Universo, che non riesce neanche ad entrare in una bettola per poter nascere e che sceglierà il Destino orrendo dei chiodi e l’umiliazione di una Croce? Ma di cosa stiamo parlando? Questo mistero non potrà mai essere risolto e costituisce un affascinante e incredibile paradosso per tutti, credenti e atei.

Non possiamo che adeguarci ed essere altrettanto piccoli e umili anche noi, augurando da qui a tutti con parole semplici, senza effetti speciali, un Natale Cristiano, così come lo suggerisce Sua Santità.

L’Amore e l’Umiltà sono la Sua ricetta.

Auguri semplici dal Blog

by / / Archivio, Blog, News

Parole semplici di Auguri di Buon Natale a tutti da questo Blog.

Ieri giovedì 22 dicembre alla Trasmissione RAI di Uno Mattina Sua Santità Papa Francesco ha preso il telefono e ha augurato a tutti un Buon Natale Cristiano. Ha detto con parole semplici, più o meno, che incarnandosi Dio si fece piccolo, un piccolo povero bambinello, per poter sovvertire e capovolgere tutti i valori per l’umanità. Una ricetta per l’umanità. Quale messaggio migliore poteva trasmettere ieri Bergoglio, il Papa delle periferie, degli emarginati? Quale modo migliore poteva scegliere Lui, il Creatore, se non rivelandosi in un tenero e nudo bambino, infreddolito, respinto da tutti e quindi avvolto appena nato nella paglia di una stalla, scaldato solo dall’amore e dall’umiltà? Lui il Potente, capace di creare l’Universo, che non riesce neanche ad entrare in una bettola per poter nascere e che sceglierà il Destino orrendo dei chiodi e l’umiliazione di una Croce? Ma di cosa stiamo parlando? Questo mistero non potrà mai essere risolto e costituisce un affascinante e incredibile paradosso per tutti, credenti e atei.

Non possiamo che adeguarci ed essere altrettanto piccoli e umili anche noi, augurando da qui a tutti con parole semplici, senza effetti speciali, un Natale Cristiano, così come lo suggerisce Sua Santità.

L’Amore e l’Umiltà sono la Sua ricetta.

TOP